Passione Ciclismo
BENVENUTO NEL Forum

Registrati e diventerai uno di noi Smile
Accedi

Ho dimenticato la password

Statistiche
Abbiamo 273 membri registrati
L'ultimo utente registrato è settimio corzani

I nostri membri hanno inviato un totale di 8307 messaggi in 1159 argomenti
Facebook

[ITINERARIO TURISTICO] --- San Fratello --> Cesarò

Andare in basso

[ITINERARIO TURISTICO] --- San Fratello --> Cesarò

Messaggio Da Nino Bike il Lun 28 Set 2009, 11:43 am

San Fratello,
Un tempo chiamata Apollonia, San Fratello è una storica cittadina in provincia di Messina posta sui Monti Nebrodi a circa 640 metri sul livello del mare. Le sue origini sono antichissime e sembrano risalire alla storica "Alunzio", come è stato confermato da diversi ritrovamenti archeologici come monete e medaglie. L'odierno paese trae il nome dai tre Santi fratelli, Alfio, Cirino e Filadelfio, martirizzati, sotto l'imperatore Valerio, dal governatore Leptile nel 312 d.C., cui è dedicato l'omonima chiesa e convento del secolo XII. Il centro fu edificato da una colonia di Lombardi venuti con il conte Ruggero alla conquista della Sicilia. Dall'epoca del regno di Federico III San Fratello divenne feudo baronale.
San Fratello è anche nota in Italia per i suoi cavalli. I cavalli sanfratellani, introdotti, forse, dagli arabi o dai normanni. I cavalli sanfratellani sono stati sempre abituati alla presenza dell'uomo e si adattano bene all'escursionismo e ad ogni tipo di turismo equestre; vengono allevati allo stato brado sui Nebrodi ed hanno, da qualche anno, ricevuto il riconoscimento di "razza". Ogni anno, nel mese di settembre, si svolge la tradizionale mostra-concorso del cavallo sanfratellano.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]




CESARò
La prima menzione storica veramente attendibile di Cesarò risale ad un documento di infeudazione del 1334, allorquando Federico II d'Aragona, re di Sicilia, lo donò a Cristoforo Romano Colonna, medico di Messina. Da questo documento apprendiamo nel medesimo tempo che esisteva un paese difeso da mura. Dunque è cosa ovvia affermare che il suo sorgere fu un processo di formazione spontanea che si deve assegnare ad un tempo molto anteriore alla data del documento.
Con molta probabilità, durante la dominazione dei Romani (durata in Sicilia da 264 a.C. sino al secolo V d.C.) e nelle successive dei Barbari (Vandali e Ostrogoti 429-533) e dei Greci-Bizantini, il luogo dove si trova Cesarò e il territorio che gli appartiene faceva parte del territorio di Troina, città di origine sicula colonizzata dai Greci.

Le attrattive del Paese:
La Sagra del fungo porcino e del suino nero dei Nebrodi: ogni anno in ottobre va in scena la "Sagra del suino nero dei Nebrodi e del fungo porcino".

Il Palio di Cesarò
Fra carretti siciliani, musica country, sbandieratori e fuoristrada è giunto alla sua 26ima edizione il Palio di Cesarò. Una tradizione, spezzata diversi anni fa e poi ripresa nel 1998, destinata a incrementarsi negli anni richiamando un pubblico sempre più vasto e competente.
Tra cavalli purosangue, mezzosangue, meticci e sanfratellani, forti emozioni sono riusciti a trasmettere i 26 partecipanti alla gara.


CESARò e L'Etna
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]



[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
avatar
Nino Bike
Admin
Admin

Numero di messaggi : 3064
Data d'iscrizione : 01.07.09
Età : 32
Località : Milazzo

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum