Passione Ciclismo
BENVENUTO NEL Forum

Registrati e diventerai uno di noi Smile
Accedi

Ho dimenticato la password

Statistiche
Abbiamo 273 membri registrati
L'ultimo utente registrato è settimio corzani

I nostri membri hanno inviato un totale di 8307 messaggi in 1159 argomenti
Facebook

Yamaha FZ8 e Fazer 8 | Le più equilibrate in famiglia

Andare in basso

Yamaha FZ8 e Fazer 8 | Le più equilibrate in famiglia

Messaggio Da Nino Bike il Mar 20 Apr 2010, 1:06 pm

Il giusto sta nel mezzo. Ecco cosa hanno pensato alla Yamaha dovendo decidere delle nuove Fazer 8 e FZ8. Seicento cc possono sembrare pochi per un motociclista non di primo pelo, con un tiro ed una coppia non proprio esaltanti, due punti dolenti delle FZ6 e Fazer 6. Al contrario, mille possono sembrare troppi, magari dopo che si è da poco abbandonato il maxi scooter di turno, o anche solo psicologicamente, davanti a madri, mogli e fidanzate borbottanti. Ecco spiegata la scelta di una giusta via di mezzo, un bel 4 cilindri da 779 cc, con potenza adeguata. E badate bene che non è il motore della FZ1 dimagrito, bensì una nuova unità che deriva addirittura da quello della R1 2008.

Sono passati oltre due lustri da quando, era il 1998, la Fazer 600 è apparsa sul mercato, e ne sono state vendute ben 250.000, numero di tutto rispetto, che la pone tra le moto di successo.

Estetica
Che le nuove ottocento facciano parte della famiglia FZ, beh ci vuole poco a capirlo. Più che dalla seicento, le FZ8 e Fazer 8 attingono a piene mani dalla mille FZ1. Battagliera e aggressiva la roadster, più garbata ed elegante la versione semi carenata.
Pur somigliandogli, dovete sapere che della FZ1 c’è ben poco. Telaio, forcellone e fanale posteriore, sono gli unici elementi in comune, per il resto è, anzi sono, due moto completamente nuove.


Fazer 8 – FZ8 1-0
La vocazione più turistica della Fazer 8, emerge oltre che nella diversa configurazione del cupolino, anche nella differente dotazione dedicata al passeggero. Sella di discrete dimensioni e imbottitura sono comuni ad entrambe, mentre le due maniglie, comode e utilizzabili, sono esclusiva della Fazer 8. Sulla FZ8 ci si deve accontentare della classica cinghietta (per chi ha il coraggio di usarla).
La serratura per sbloccare la sella è presente, ma sulla capacità del sottosella non contateci troppo, al massimo ci potete riporre i documenti della moto ed un blocca disco, ma visto che è la tendenza attuale (purtroppo) non lo annovererei tra i difetti.

Tenendo sempre ben presente le quotazioni di queste due moto, rispettivamente 8.190 € f.c. la FZ8 (disponibile da Maggio nei concessionari) e 8.690 € f.c. la Fazer 8 ( prime consegne a Giugno), e soprattutto i contenuti tecnici di tutto rispetto, un’altra sorpresa positiva arriva dalle finiture. Materiali solidi e di qualità, plastiche di bell’aspetto e ben assemblate, verniciature ottimamente eseguite e “ordine” per quanto riguarda cablaggi e cavetti vari.

In sella
Apprezzabile l’ergonomia di entrambe le moto, e ci mancherebbe anche perché sotto questo aspetto sono identiche. Gambe piegate il giusto, busto solo moderatamente inclinato in avanti, pongono le due Yamaha nel gruppo delle moto ergonomicamente “corrette”. La FZ8 non eredita il manubrio dritto della FZ1e se la cosa può dispiacere dal punto di vista estetico, non lo è dal punto di vista pratico.

Sono passati oltre due lustri da quando, era il 1998, la Fazer 600 è apparsa sul mercato, e ne sono state vendute ben 250.000, numero di tutto rispetto, che la pone tra le moto di successo
Sono passati oltre due lustri da quando, era il 1998, la Fazer 600 è apparsa sul mercato, e ne sono state vendute ben 250.000, numero di tutto rispetto, che la pone tra le moto di successo

Le manopole un po’ più aperte rispetto alla seicento, le pedane moderatamente basse e la sella ampia, che permette spostamenti longitudinali agevoli, consentono di trovare una posizione di guida ottimale a guidatori di tutte le altezze, che oltretutto non avranno alcuna difficoltà a poggiare entrambi i piedi a terra. Questo anche grazie alla sella, ora maggiormente rastremata sui fianchi, particolare che ne limita in parte l’imbottitura nella zona anteriore.

Strumentazione
Passi la strumentazione sulla FZ8, piccola e compatta, rannicchiata dietro al faro, ed essenziale nei contenuti. Contagiri analogico, display con tachimetro e contachilometri doppio, indicatore del livello carburante, temperatura liquido e orologio.
Questi contenuti, perfetti per una naked, vanno un po’ stretti alla Fazer8, che vista anche l’attitudine ai viaggi, avrebbe meritato qualche cosa in più.

Ciclistica e Motore
Come già scritto, la ottocento ha in comune con la sorella maggiore il telaio a diamante pressofuso in alluminio ed il forcellone, anch’esso del medesimo materiale. I cerchi, pur identici esteticamente, sono più leggeri, mentre le sospensioni sono completamente nuove. Di bell’aspetto, seppur essenziale nella funzionalità, la forcella con steli rovesciati da 43 mm è priva di regolazioni, mentre il mono, dotato di leveraggio monocross, ha il solo registro del precarico molla.

Apprezzabile l’ergonomia di entrambe le moto, e ci mancherebbe anche perché sotto questo aspetto sono identiche
Apprezzabile l’ergonomia di entrambe le moto, e ci mancherebbe anche perché sotto questo aspetto sono identiche

Niente orpelli, ma tanta concretezza, per i freni. Pinze monoblocco e dischi da 310 mm davanti, discone da 267 mm per la ruota posteriore. Dal 2011 sarà disponibile anche il sistema antibloccaggio ABS.
Il peso in ordine di marcia, 211 kg per la FZ8, 4 in più per la Fazer 8.

Motore
Di derivazione R1 2008, il quattro cilindri 779 cc ha il rapporto alesaggio/corsa 68,0 mm x 53,6 mm. Pensato per esaltare le doti di elasticità e coppia ai medi regimi, il motore di queste Yamaha eroga106,2 CV (78,1 kW) a 10.000 g/min, con una coppia massima di 82,0 Nm a 8.000 g/min. Questi risultati sono stati ottenuti anche grazie ad un sistema di aspirazione che prevede, oltre ad un air-box da 7,8 litri, cornetti d’aspirazione di altezza diversa. Icilindri 1 e 4 hanno collettori da 125 mm e i cilindri 2 e 3 da 150 mm.

L’alimentazione su FZ8 e FAZER 8 è supportata dall’elettronica, grazie alla gestione elettronicadellafarfalla secondaria che insieme a quella principale garantisce un controllo ulteriore sul volume d’aria in aspirazione.

Pronti via
La cosa che colpisce, ancora prima di partire, è la scorrevolezza dei comandi. Frizione e cambio sono “di burro”. Leggera e modulabile la prima, silenzioso oltre che preciso e a prova di errore il secondo.
I primi chilometri percorsi nel traffico mattutino di Marsiglia, che in questo assomiglia incredibilmente a Milano, vedono in leggero vantaggio la naked, che pur avendo il peso della strumentazione e del faro direttamente solidali al manubrio, appare più reattiva e guizzante. Il vantaggio della semi carena, però, emerge non appena ci si allontana dalla città. La più che discreta protezione offerta dalla Fazer 8 (per gli incontentabili è possibile montare un plexiglass più alto mettendo mano al portafogli) permette di poter alleggerire la pressione dell’aria fin sulle spalle, particolare che naturalmente la fa preferire alla sorella “nuda” nei trasferimenti veloci. Quest’ultima, anche se priva di qualsivoglia cupolino (è previsto un deflettore tra gli optionals) è però in leggero vantaggio nel misto stretto, dove la mancanza della semicarena, la rende più rapida e reattiva in inserimento, oltre che più sostenuta di assetto. La forcella, infatti, ha la medesima regolazione e gioco forza, la carenatura pesando tutta sull’anteriore, aumenta l’inerzia e carica maggiormente l’anteriore. Questo è un vantaggio durante i passaggi su asfalti sconnessi (che da queste parti a differenza di “casa nostra” sono una rarità!) situazione in cui la Fazer 8 se la cava meglio della FZ8.



“Materiali solidi e di qualità, plastiche di bell’aspetto e ben assemblate, verniciature ottimamente eseguite e ordine per quanto riguarda cablaggi e cavetti vari”


Perfetto il connubio motore-ciclistica, lineare nell’erogazione sin dai 1.500 giri, quasi privo di vibrazioni, il quattro cilindri appare sfruttabile a qualsiasi numero di giri. Pacifico e amichevole dai 2.000 ai 4.000 giri/min. si inspessisce tra i 5.500/6.000 giri, per diventare cattivo e graffiante anche nella voce (visto che la presa d’aria sul serbatoio serve a esaltare il rumore dell’aspirazione!) oltre i 7.000 giri /min., mentre il limitatore interviene poco oltre gli 11.000 giri/min.



Ritmo allegro e sostenuto…
La mancanza totale di traffico e la piacevolezza delle strade, oltre che dei panorami davvero notevoli per bellezza e varietà, ha esaltato le doti di guidabilità di entrambe le Yamaha. Avendo avuto la possibilità di scambiarsi “in corso d’opera” le moto con i colleghi presenti, sono emerse le differenti personalità, ma anche le ottime caratteristiche di entrambe.

Di derivazione R1 2008, il quattro cilindri 779 cc ha il rapporto alesaggio/corsa 68,0 mm x 53,6 mm. Pensato per esaltare le doti di elasticità e coppia ai medi regimi, il motore di queste Yamaha eroga106,2 CV (78,1 kW) a 10.000 g/min, con una coppia massima di 82,0 Nm a 8.000 g/min
Di derivazione R1 2008, il quattro cilindri 779 cc eroga106,2 CV (78,1 kW) a 10.000 g/min, con una coppia massima di 82,0 Nm a 8.000 g/min

Nel misto stretto, la FZ8 si esalta, rapida e precisa, anche se sfruttata oltremodo, reagisce sempre in maniera composta. La risposta poco frenata delle sospensioni, soprattutto del mono che se “abusato” tende a pompare leggermente, non compromette mai la stabilità e la precisione di guida. L’appoggio offerto dalle Bridgestone BattlaxBT-021è limitato solo dai nottolini delle pedane, che fresano l’asfalto abbastanza facilmente, mentre viene facilitato dalla risposta, mai brusca, del motore.
Stesse sensazioni, ma con un filtro che rende tutto più armonioso, in sella alla Fazer 8. La risposta della forcella è più lineare, mentre la guida appare sin da subito più rotonda e meno nervosa. Medesimo il comportamento del mono nei confronti della sorella svestita. Pompa leggermente, ma non destabilizza l’assetto. Più lineare e piacevole il comportamento della forcella, che “ritorna” in maniera meno brusca.
Pur se prive di coreografiche pinze radiali, il comportamento dell’impianto frenante è eccellente. La leva freno (regolabile) per nulla spugnosa nell’azione, consente di avere tutto sotto controllo, e di poter contare su una potenza frenante più che adeguata. Ottimo anche il freno posteriore, modulabile e potente, si adatta perfettamente soprattutto alle caratteristiche della Fazer 8, che viste le caratteristiche, potrebbe trovarsi a viaggiare a pieno carico, con annesso passeggero e bauletto da 46 litri optional.

Adesso sta a voi la scelta. Propendere per l’irriverenza della FZ8 o sulle doti di versatilità di utilizzo della Fazer 8 è un “problema” vostro.





Pregi

* Look | Rapporto qualità prezzo | Guidabilità | Motore

Difetti

* Comportamento del mono migliorabile







http://www.moto.it/prove/yamaha-fz8-fazer-8.html
avatar
Nino Bike
Admin
Admin

Numero di messaggi : 3064
Data d'iscrizione : 01.07.09
Età : 33
Località : Milazzo

Torna in alto Andare in basso

Re: Yamaha FZ8 e Fazer 8 | Le più equilibrate in famiglia

Messaggio Da Nino Bike il Mar 20 Apr 2010, 1:09 pm





avatar
Nino Bike
Admin
Admin

Numero di messaggi : 3064
Data d'iscrizione : 01.07.09
Età : 33
Località : Milazzo

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum